Spigolature ratzingeriane

Una cosa seria e due tre no a margine della notizia (che definire storica è poco) del giorno.

La cosa seria: sono stato molto colpito dal gesto, oggettivamente tragico, anche perché la particolare condizione di un Papa costringe a prendere una decisione del genere in una perfetta (se guardiamo alla sola dimensione terrena) solitudine. Certo: mi rendo bene conto di quanto per il diretto interessato quella solitudine sia ben altrimenti ricca e piena: ma questo non diminuisce, anzi amplifica forse, la tragica grandezza di un gesto del genere. Colpisce anche la specularità di questa scelta rispetto al modo in cui ha affrontato la fine del suo pontificato il predecessore di Benedetto XVI, Giovanni Paolo II: questo ha mostrato la sua fragilità nella perseveranza, quello nella rinuncia. In ogni modo due approcci alla “fine” che fanno riflettere anche uno come me, così abissalmente lontano da quelle vite, da quelle scelte, da quelle fedi.

Le stupidaggini, invece, riguardano due perplessità sul testo ufficiale latino delle dimissioni:

1) quel riferimento a dimissioni che avverranno a die 28 februarii MMXIII, hora 29: questa hora 29 cos’è? un modo di contare le ore pontificio che a me sfugge? un errore grossolano di trascrizione? un segnale in codice? o magari l’indizio che è tutto uno scherzo: “Mi dimetto, sì, alle ore 29” (“…che non esistono”; come quell’amica mia che diceva: “Lo sposo? Certo, a ottembre“).

2) per quel che ci capisco io (e non è molto, in verità) in “pro Ecclessiae vitae” c’è una e di troppo. Tocca mettere in discussione il dogma dell’infallibilità del papa?

Ne aggiungo una terza: pare che in Vaticano molti, ascoltando le parole del papa, non abbiano capito cosa stava dicendo. Eh, il latino…

[Aggiornamento: dall’audio originale che si può sentire in rete risulta chiaro che B. dice vita e dice hora vigesima. E’ un errore dei trascrittori pontifici. Sono più tranquillo.]

10 pensieri su “Spigolature ratzingeriane

  1. del terremoto non so niente. Comunque è sepolto a Recanati (Gregorio… XII, mi pare), in cattedrale; e prima, per sparire dalla circolazione e farsi dimenticare, aveva pensato bene di trasferirsi ad Ancona. (Come e perché il corpo sia finito costì, non ho idea)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...