Ho scritto a un grillino

Ieri sera, senza pensarci troppo, quando ho visto questa pubblica confessione (clima da autodafè, o da purghe staliniane) ho scritto al grillino. Ecco la lettera:

Giuseppe, non ci conosciamo e il mio commento non conterà per te nulla perché, ehm, lo confesso: io sono del PD. Di minoranza, sempre eretico e quindi fuori da ogni logica di potere ma sì, confermo: sono del PD. Credo ancora nei partiti: sono di una razza in via d’estinzione. Non ti scrivo quindi per dirti che hai fatto bene o male a votare così o cosà, o a dichiararlo pubblicamente. Non è questo. Il punto è che nel tuo messaggio ho visto la paura e lo spaesamento di chi si trova in una macchina che rischia di schiacciarlo: fra il boss che manda dispacci via blog, il ruolo istituzionale che comunque c’è, una base a cui vorresti rispondere delle tue azioni ma che è difficile capire, conoscere, nella selva del web che si rivela ben più complicata del paradiso che sembrava prima, quando si trattava solo di criticare il sistema. Ecco: l’unica cosa che vorrei dirti è questa: tu ora sei pagato (magari con lo sconto, ok) da tutti gli italiani per fare il bene dell’Italia, non per criticareebasta, controllareebasta, mettereinomisuibicchierinidicartacosìnonsisprecalaplastica; no: avete preso un fottìo di voti o ora dovete cercare di farne qualcosa di buono per questo paese. Avete in mano un’occasione storica, compresa quella di far fare un salto di qualità a questo PD finora pigro e incastrato in logiche di potere. Guardatevi intorno, in Parlamento c’è un sacco di gente giovane e volenterosa come voi: prendete in mano il futuro di questo paese, senza paura, e senza questi toni da Alcolisti Anonimi, o da seguaci di Savonarola. Le ossessioni maniaco-compulsive di un paio di caporioni non possono impedirvi di fare la rivoluzione per cui siete stati eletti.
Buon lavoro, e auguri.
G.C.

Non mi ha risposto.

 

Bisogna saper vincere

Sta venendo fuori un handicap notevolissimo del Movimento 5 Stelle. Un deficit di analisi e di azione politica.

Il Movimento 5 Stelle è nato da una critica feroce e assoluta della politica, legata alle parole inciucio, casta, potere ecc. Ora che si trovano loro grillini ad avere un potere fortissimo, con un quarto circa dei voti, e la politica devono farla in prima persona, rischiano di rimanere ostaggi della grezza (non dico sbagliata) analisi della situazione politica italiana da cui sono partiti. Ossessionati al limite della paranoia dall’inciucio e dalla casta, rimangono bloccati dalle stesse loro paure, e non riescono a fare nulla.

Ne è la dimostrazione (una fra le tante) l’analisi che fa la Capogruppo alla Camera della giornata di ieri. L’incapacità di trovare un accordo per l’elezione di un loro candidato (legata all’ossessione paranoide di cui sopra) fa dire alla Lombardi che la scelta di Laura Boldrini è stata frutto di un inciucio Bersani-Vendola: una palese mistificazione della realtà. La Lombardi completa il ragionamento chiedendo, con metodi da vecchissima politica, una poltrona da questore della Camera per il Movimento. Cioè: prima rifiutano ogni posizione, ogni poltrona, poi gridano allo scandalo perché non viene loro data: è questa la nuova politica? Bah!

Insomma: il Movimento 5 Stelle rischia di rimanere invischiato nelle proprie limitate visioni isterico-ossessive, che potrebbero finire per impedire proprio quel cambiamento che il loro stesso successo elettorale ha reso possibile. Non si va lontano, così.

Aggiungo: se devono star lì soltanto per scrivere i loro nomi sui bicchierini di plastica e per farsi foto ricordo, non si meritano uno stipendio pagato dagli italiani: non basta che si facciano uno sconticino.

Aggiornamento: mi pare che l’ultimo post di Grillo confermi in toto la mia analisi. Francesco Molinari, senatore 5 stelle, è sulla mia stessa linea e con un certo coraggio manda a dire a Grillo: “Meno reazioni isteriche e più fiducia”.