Quella pubblicità non è mia!

Mi han detto che usando certi browser, come Firefox, sotto i miei post compaiono degli avvisi pubblicitari. Con Chrome questo non succede, almeno per ora. O almeno io non lo vedo. Approfondirò la questione: e intanto volevo avvisare chi passa che io da quelle pubblicità non ricavo nulla e – quel che è peggio – non ho nessuna possibilità di scegliermi gli “sponsor”. Non è una bella cosa; e da wordpress, sinceramente, non me l’aspettavo.

Aggiornamento. Mi dicono che anche con Chrome ad alcuni compare la pubblicità. A me no.

La storia eravamo noi

I commenti alla vittoria di Hollande, il sempre più chiaro massacro del Pdl, la fine della pioggia (con relativa corsetta in riva al fiume), e per concludere una gustosa tranquilla cenetta a casa: poteva anche essere una bella serata. Poi ho visto questo:


(la neve deve aver fatto secchi molti ulivi, in quel di Spello…)

Aggiornamento: un’affezionata lettrice del blog ( 🙂 ) mi segnala questo reportage sul committente dello spot. Sono sempre più felice.

Aggiornamento 2: in una sua canzone De Gregori scrive: “tu da che parte stai? / stai dalla parte di chi ruba nei supermercati / o di chi li ha costruiti / rubando”. Essendo il nostro un grande ammiratore di Brecht, ho sempre pensato che nello scrivere quei versi avesse in mente il famoso apoftegma “Cos’è rapinare una banca a paragone del fondare una banca?”. Ma in fondo anche La storia tratta temi molto simili a Domande di un lettore operaio, che anni dopo sarà citata espressamente in Il cuoco di Salò. E il cerchio, in qualche modo, si chiude.